I dipendenti diventano imprenditori e fanno ripartire l’azienda. Il caso Spotlight srl.

Scopri il Workers Buy Out (WBO) ‏‏‎ ‎‏‏‎ ‎‏‏‎ ‎‏‏‎ ‎

di Federico Costa

Il Workers Buy Out (WBO) è lo strumento ideale nei casi in cui un’azienda in crisi ha tutte le carte in regola per essere ristrutturata e proseguire la sua attività ma non si riescono a trovare le necessarie risorse finanziarie.

Il Workers Buy Out identifica l’operazione di acquisto di una società da parte dei dipendenti dell’impresa stessa. 

Vediamo come funziona e quali sono i vantaggi di questo strumento: in caso di impossibilità dell’imprenditore o della proprietà di proseguire nella gestione aziendale per sopravvenute difficoltà finanziarie o personali, i lavoratori, per salvaguardare il posto di lavoro e le loro competenze nel settore, possono costituirsi  in cooperativa e acquisire l’azienda dal liquidatore o dal curatore fallimentare o dal datore di lavoro stesso. 

Per farlo possono utilizzare una parte della loro liquidazione, è un’eventualità introdotta dalla legge Marcora del 1985, che regola e facilita queste operazioni istituendo un regime di aiuto finalizzato a sostenere le attività economiche e preservare l’occupazione attraverso lo sviluppo di società cooperative. 

La legge Marcora ha previsto un Fondo speciale per gli interventi a salvaguardia dei livelli occupazionali, indirizzando le risorse del fondo per la partecipazione al capitale di società finanziarie appositamente costituite al fine di salvaguardare e incrementare l’occupazione mediante lo sviluppo di pmi cooperative. 

La Legge Marcora, è stata poi modificata dalla Legge di bilancio 2017, prevedendo che le società finanziarie possano assumere partecipazioni temporanee di minoranza nelle società cooperative, con priorità ai Workers Buy Out, e concedere alle cooperative finanziamenti agevolati, mirati alla realizzazione dei progetti di impresa. 

Da allora, i Workers Buy Out hanno permesso di conservare oltre 15mila posti di lavoro. Sono soluzioni ancora poco conosciute, nonostante siano praticamente a costo zero per la collettività, e faticano a diventare uno strumento praticato. 

Sono però già molte le storie di successo.

Se i dipendenti prendono coraggio e si rendono disponibili ad investire nel progetto parte della loro liquidazione, molteplici soggetti li possono affiancare e sostenere il WBO finanziariamente:

  • lo Stato mette a disposizione della nuova società la Naspi per intero;
  • diverse  società del mondo delle cooperative sono pronte ad investire con i dipendenti e diventare a loro volta socie della NewCo;
  • il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) mette a disposizione importanti finanziamenti a condizioni agevolate.

Il workers Buy Out è una forma societaria in grado di generare molteplici vantaggi per tutti i soggetti coinvolti a vario titolo nell’operazione:

  • vantaggi evidenti per i dipendenti, perché così operando salvaguardano il loro posto di lavoro e assumono il controllo dell’azienda, diventandone azionisti a tutti gli effetti;
  • vantaggi per i creditori, perché, in caso di continuità aziendale, riescono ad incassare una percentuale ben più alta del loro credito e mantenere vivo il rapporto commerciale;
  • vantaggi per la collettività, perchè un’azienda porta benefici a tutti soggetti che le gravitano intorno: fornitori, collaboratori, clienti e anche lo Stato, che continua in questo modo ad incassare imposte e contributi. Inoltre, non è trascurabile il risparmio effettivo che queste operazioni permettono allo Stato: basti pensare che un lavoratore licenziato costa alla comunità dai 30 ai 40mila euro di ammortizzatori sociali, e sono denari investiti a fondo perduto;
  • vantaggi per l’imprenditore che riesce ad evitare la liquidazione dell’azienda.

In sintesi, i Workers Buy Out si presentano come i progetti “win win” per eccellenza perché tutti ne traggono importanti benefici.  Attraverso i Workers Buy Out  i contributi versati negli anni dai dipendenti si trasformano in capitale investito in impresa e la NewCo continua a versare contributi previdenziali e a produrre valore per gli Stakeholders.

I dati parlano chiaro, le aziende passate sotto il controllo dei lavoratori-soci mostrano nel tempo altissime percentuali di riuscita. Le percentuali dei fallimenti a dieci anni sono inferiori al 15%, da confrontare con il 70% / 80% di probabilità di fallire per le start up. La dimensione media di un’impresa, dopo un WTO, è di venti dipendenti, con un capitale sociale di circa 300 mila euro e un fatturato attorno ai due o tre milioni.

Uno dei casi più interessanti Workers Buy Out è quello di Spotlight srl, dal 1969 produttore leader di fari per teatri e architettura, nell’ambito del quale l’azienda è stata acquistata dai suoi dipendenti che  ne sono divenuti proprietari nel luglio 2020, mediante la costituzione di una società cooperativa. L’operazione è stata condotta con la consulenza di TIM Management, che ha fornito assistenza manageriale alla società fin dall’inizio del processo di ristrutturazione.

 

SCARICA IL CASO SPOTLIGHT srl, con i dettagli dell’operazione di Workers Buy Out.

 

Federico Costa ha maturato consolidata esperienza sia nella gestione operativa ricoprendo per 15 anni il ruolo di Amministratore Delegato in aziende di diversi settori sia nella consulenza e nel temporary management per la realizzazione di interventi di ristrutturazione e turnaround. 

E’ Partner di Tim Management per le Practice di Restructuring e Turnaround.

TIM Management è in grado di supportare l’imprenditore e i suoi advisor nelle operazioni di restructuring e turnaround, con partner di alto profilo, che hanno maturato una profonda esperienza specifica in materia. 

Contattaci per un approfondimento

 

Condividi:

Altri contenuti

Turnaround

Risanare le imprese in difficoltà dal piano industriale al turnaround
di TIM Management

Una tra le cose più importanti per raggiungere e conservare  il successo di un’impresa è il saper valutare lo...

Continua a leggere

M&A

L’impatto del Coronavirus sul mercato M&A: più operazioni locali e un 2021 brillante
di Cesare Tocchio

Il mercato M&A in grande ripresa dopo un 2020 difficile   Prendiamo spunto dai dati del mercato M&A...

Continua a leggere

business plan

Guida al Business Plan, cosa inserire e con che struttura
di Federico Costa

Se stai leggendo questo articolo è probabile tu sappia già cos’è un business plan e abbia intenzione di...

Continua a leggere

Parla con un Partner di TIM Management

Per qualsiasi esigenza i nostri consulenti sono a vostra disposizione per trovare insieme
la soluzione più adeguata per la vostra azienda.